martedì, luglio 01, 2008

La botola

Oggi ho visto La Botola. La botola è il paese che precipita nello scantinato. La botola che sarà chiusa a chiave dopo il crollo. E' l'ultimo assalto alla celebrità. La possibilità finale di apparire in tv per coloro che non hanno mai avuto un'intervista su una tv locale, non hanno mai ritirato un premio o non sono mai apparsi in immagini di repertorio. L'arrembaggio dei disperati guidato da un imbecille con il papillon. Gli italiani hanno consumato tutte le loro risorse naturali, anche i minuti a disposizione in tv stanno per terminare. Il countdown si stà per avviare. Presenziare in tv sarà un lusso per pochi. Sono gli ultimi minuti free a disposizione dei comuni mortali. Le quotazioni salgono, i bagharini fuori da Cinecittà vendono gettoni di presenza. C'è un barbone con un cartello appeso al collo: "Vendo caso umano al miglior offerente". I parenti che rimarranno a casa sono già stati allertati per programmare il timer del videoregistratore. Essere immortalati in un formato che tra qualche mese non sarà più riproducibile da nessun supporto. Correte voi che potete a fare provini, ballare, cantare. Sarà la volta buona che quelli tagliati fuori decideranno di ribellarsi dando l'assalto agli studi televisivi, prendendo le videocamere dalla parte del REC. La posta in gioco sarà troppo alta per lasciarsela sfuggire. Nel futuro prossimo, dove le spiagge saranno proprietà privata di ex-calciatori e imprenditori in cerca di investimenti differenziati, ogni singolo istante di tv sarà scandito da un timer in sovraimpressione. Suspance signori. Suspance eterna. Audience infinito. Fino all'ultimo secondo di tv. Poi arriverà lo zero e torneremo a passeggiare lungo i viali sniffando le strisce pedonali.

10 Comments:

Anonymous rem said...

non capivo di cosa parlassi fino a l'altra sera quando ho visto cose che non avrei voluto mai vedere: Frizzi che balla come sotto elettroshock, donne mercificare il proprio corpo con il nome di botoline e, soprattutto, ascoltare una concorrente cantare Gianna di RG al contrario.

6:32 PM  
Anonymous ilVino o marcodà said...

Io per ora mi sono fermato alla signora che faceva finta di piangere in salentino per la morte dello zio. Riprenderò nei prossimi giorni. Sempre più nonsense.

1:44 AM  
Anonymous Anonimo said...

Questa cosa di gianna al contrario mi ha turbato il sonno. Tutto deve avere un senso. Quale mistero si cela dietro quelle parole. Quale messaggio.

Anna i gavenet s.o.s. i sete i noi sulli

10:06 AM  
Anonymous sagufo said...

E' semplicemente la tv estiva... e ho detto tutto!...

7:26 PM  
Blogger ilVino said...

Secondo me è Tv per tutte le stagioni.
La tv estiva è solo il record di bacio sott'acqua di bellezze al bagno.

3:27 PM  
Anonymous rem said...

secondo me è il segno inequivocabile che la fine del mondo sia leggermente in anticipo rispetto alla tabella di marcia.
La cosa positiva della puntata è che ho scoperto che "aveva" è una parola palindroma.

10:26 AM  
Blogger ilVino said...

mi auguro che prima della fine di tutto si arrivi almeno a questo:
http://www.youtube.com/watch?v=-ceegnWSENQ

12:50 PM  
Anonymous sagufo said...

Quella, per quanto scialba tv esitva di fine anni '80, era comunque molto più di qualità di quella attuale, anche di quella invernale.
Rimpiango Jeux sans frontiers.

3:15 PM  
Anonymous angelo said...

ciao! passavo per un rapido saluto =)
a.

12:46 PM  
Anonymous Angelo said...

ma bene!
ma buonasera!! =)

11:18 AM  

Posta un commento

<< Home